COVID – 19 e Infortuni sul lavoro: E’ emergenza sociale anche in Molise
Aprile 27, 2022
Molise Sicuro, il convegno della Unilab che si occuperà di edilizia, lavori in quota, agricoltura, macchine e attrezzature, prevenzione e protezione antincendio. Scopri come partecipare
Aprile 27, 2022

Campobasso, si rompe la pace tra il Pd e la Giunta grillina. Trivisonno boccia Gravina&co su tutta la linea. Da “amministrare per cambiare” siamo al “tirare a campare”, il tutto condito da una insicurezza della classe dirigente che traspare e che fa danno a Campobasso.



Ieri a Campobasso, si è discusso il Bilancio consuntivo comunale anno 2021. Durissimo l’intervento durante le dichiarazioni di voto del consigliere del PD Giosè Trivisonno che boccia totalmente l’amministrazione grillina sottolineando anche i modi davvero inopportuni i quali la Giunta amministra e gestisce la Città. Di seguito le dichiarazioni.

Voteremo NO convintamente ad un documento senza anima, sterile, piatto.

Il Covid 19 ha davvero rallentato e stoppato alcuni settori amministrativi, ma, ormai, non può essere più una scusa.

Non può esserlo, ad esempio, per l’assessore ai LLPP. Non condividere le scelte su illuminazione e marciapiedi, non risolvere i problemi della Scuola Mascione, non affrontare la questione dei lavori (barzelletta che non fa ridere) di Corso Bucci sono esempi indicativi della inadeguatezza amministrativa.

Per quanto riguarda l’offerta culturale e il turismo, possiamo parafrasare D’Azeglio sostenendo che “fatti i turisti, Campobasso deve elaborare l’offerta turistica”. Infatti, non si va oltre il Summer Festival. Si ha l’impressione che manchi coraggio nello scegliere e che, soprattutto, la maggioranza sia bloccata da condizionamenti e resistenze poco lungimiranti (CB underground un esempio). Sarà questo il primo Corpus Domini della “gestione Gravina”: non ci si aspettano i grandi cambiamenti promessi.

Così, mentre i nostri anziani soffrono una condizione difficile post pandemia (sia psicologia che pratica), c’è poco sul tema delle politiche sociali. Sull’ambiente, invece, dopo le promesse di completare la raccolta differenziata nel 2020 e nel 2021, possiamo affermare che questa volta Cretella non scherza: si farà, anche grazie ai fondi del PNNR.

Da “amministrare per cambiare” siamo al “tirare a campare”, il tutto condito da una insicurezza della classe dirigente che traspare e che fa danno a Campobasso.

Solo i conti tornano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *