Domani primo degli appuntamenti con il Laboratorio dell’Uli ‘Ti Racconto Un Libro’
Maggio 23, 2022
PNRR: Toma insiste sulla necessità di sburocratizzazione
Maggio 23, 2022

Testamento (Alt): Maggiori controlli sul rispetto dei budget degli IRCCS. Prioritario il rafforzamento della sanità territoriale. La nota

On. Rosa Alba Testamento



«Rispetto dei budget assegnati dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN) per i pazienti extraregionali, pagamento delle ulteriori prestazioni condizionato al preventivo riconoscimento delle stesse da parte delle regioni di provenienza dei pazienti, al fine di garantire la sostenibilità economico – finanziaria dei sistemi sanitari regionali e la regolazione della matrice della mobilità sanitaria nell’ambito delle risorse assegnate dal SSN e, infine, estensione, nei limiti delle prerogative regionali, dell’attività di controllo del Ministero della Salute anche al rispetto dei budget da parte degli IRCCS, sia per i pazienti regionali che extraregionali. Sono queste le proposte emendative al provvedimento di riordino della disciplina degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico, che ho ripresentato in aula dopo la bocciatura in Commissione Affari Sociali». Lo dichiara in una nota la Portavoce molisana di “Alternativa” alla Camera dei Deputati Rosa Alba testamento.

«La riforma degli IRCCS – continua la Portavoce  – rientra tra le azioni prioritarie individuate nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e ha l’obiettivo di rafforzare il rapporto fra ricerca, innovazione e cure sanitarie, migliorando la situazione strutturale complessiva del paese. Ben venga, quindi, un provvedimento di questo tipo, ma occorre anche precisare che dal 2003 ad oggi gli IRCCS nati in regime di diritto privato sono quasi il doppio di quelli pubblici e in alcune regioni, come il Molise, hanno anche operato oltre i budget consentiti dal Servizio Sanitario Nazionale, incidendo pesantemente sui bilanci sanitari regionali. E’ necessario, quindi, che su questi aspetti il Ministero della Salute eserciti un maggiore controllo, soprattutto per rilanciare in modo prioritario  e altrettanto concreto e strutturale quella sanità territoriale che, a causa dei tagli selvaggi del passato, ha mostrato negli utimi due anni di pandemia tutte le sue lacune » – conclude Testamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.