Consiglio Regionale, approvato il bilancio, la maggioranza tiene il punto nonostante i mal di pancia interni
Maggio 17, 2022
Campobasso dal 20 al 22 maggio Lettere Binarie, prima edizione della Mostra/mercato dell’editoria molisana. Il Comunicato
Maggio 18, 2022

Di Giacomo (S.P.P.), attenti ai messaggi dei video musicali di “Capo Clan”. La nota

Il sindacalista Dott. Aldo Di Giacomo



“Dopo i detenuti-neomelodici che da Poggioreale hanno girato e trasmesso un video- musicale, il video del rap “Baby Gang” a San Vittore, adesso i video su Tik Tok realizzati dal capo clan pugliese agli arresti domiciliari che con musica neomelodica di sottofondo, in compagnia di altre persone, ha ostentato ingenti quantitativi di denaro in contanti, dimostra una tendenza sempre più diffusa. Ma attenzione ad interpretazioni folcloristiche: come sostengono magistrati anti mafia in trincea nella lotta alle mafie l’uso dei social è dimostrazione di potere e contiene messaggi di comando inviati all’esterno”. Ad affermarlo è il segretario generale del S.PP. – Sindacato Polizia Penitenziaria – Aldo Di Giacomo per ilquale “la detenzione in cella o a casa è diventata soggetto preferito per girare video- musicali per farsi beffa dello Stato e direttamente delle vittime che hanno subito assassini, violenze, furti e atti criminali. Accade così che c’è chi canta alla libertà per i camorristi e chi invece si vanta che il suo “prossimo singolo rimarrà nella storia del rap”, chi non si limita a cantare ma esibisce il denaro frutto delle attività di narcotraffico nel territorio del Gargano e nel Nord Barese mediante l’importazione di cocaina dall’Olanda. Ma ciò che più ci sconcerta – continua Di Giacomo – è che solo in queste occasioni i media scoprono l’acqua calda e cioè che nelle carceri sono diffusi i telefonini anche quelli più tecnologici e che boss, capo clan ed affiliati hanno facile accesso ai social. Mettiamoci semplicemente nei panni di chi ha subito violenza, rapina o persino un familiare ucciso che assiste all’indecoroso spettacolo per rendersi conto del sentimento di forte indignazione e rabbia che serpeggia. Per noi – dice Di Giacomo – è il segno più degradante del “buonismo” diffuso nei confronti deidetenuti ai quali è concesso persino di divertirsi con video-sceneggiate, video di musica rap e filmati sui social”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.