Gemelli, gli Amici della Cattolica cercano volontari per donare un sorriso ai pazienti
Maggio 9, 2022
CCIAA Molise aderisce al progetto “Short Master in internazionalizzazione d’Impresa”
Maggio 10, 2022

Cia Molise. Seminario “La Qualità delle produzioni primarie dell’Italia meridionale”



Si è concluso positivamente e con grande partecipazione il Seminario tematico “La Qualità delle produzioni primarie dell’Italia meridionale”, che si è tenuto presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi del Molise.

A presenziare l’incontro il direttore generale Cipat Abruzzo , il dottor Roberto Furlotti, il direttore della Cia Molise Donato Campolieti e il Presidente Cia Molise Luigi Santoianni. “Il seminario – ha commentato il presidente Santoianni – ha dato la spinta iniziale per mettere in campo metodologie vincenti per un approccio corretto con i prodotti tipici dei nostri territori”.

Il made in Sud come ha riferito lo stesso direttore Furlotti “pone l’accento su strategie di valorizzazione delle produzioni di qualità e tipiche di territorio, passando per l’innovazione nel settore agroalimentare per finire alle strategie di valorizzazione dei processi di crescita socio economica dei territori interessati”. La qualità dei prodotti è la sommatoria di conoscenze e best practice, “ma per raggiungere il top della qualità – spiega il direttore della Cia agricoltori italiani del Molise, Donato Campolieti – occorre promuovere e favorire un cambiamento culturale, che consideri come peculiare l’investimento in conoscenza e nuove competenza di tutti gli addetti coinvolti e interessati. La produzione agroalimentare – continua Campolieti – deve rispondere a precisi standard rigidi, a cominciare dal contenimento dell’impatto sull’ambiente e usi diversi delle agrotecniche come le fertilizzazioni o la difesa delle colture. Ma non bisogna neppure dimenticare – chiosa il direttore – che c’è necessità di far ricorso anche a una diversificazione della gamma dei prodotti richiesti da consumatori sempre più attenti alla qualità e al valore salutistico del prodotto alimentare”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.