Bollettino Covid dell’Asrem: purtroppo si registrano due decessi; due ricoveri e una dimissione. I positivi odierni sono 345
Maggio 5, 2022
Isernia. “Ho visto i Lupi volare” romanzo di Giovanni di Tota
Maggio 5, 2022

Campobasso. Basket 3×3, la festa della ‘meglio gioventù’ al PalaVazzieri



L’istituto comprensivo ‘San Giovanni Bosco’ di Isernia al maschile tra i cadetti. L’istituto comprensivo ‘Petrone’ di Campobasso, invece, al femminile tra le cadette. Tra gli allievi, invece, l’istituto ‘Alfano’ di Termoli al maschile ed il ‘Mario Pagano’ di Campobasso al femminile. Sono questi i plessi vincitori degli Studenteschi di basket 3×3 svoltisi presso il PalaVazzieri di Campobasso.

Alla presenza del dirigente dell’ufficio scolastico regionale Anna Paola Sabatini, del numero uno del Cip Molise Donatella Perrella, del referente di Sport e salute Angelo Campofredano, ragazzi e ragazze si sono sfidati in gara di assoluta intensità.

Il mondo della pallacanestro territoriale era in prima linea con la presenza del numero uno del movimento Giuseppe Amorosa, del coach venafrano responsabile tecnico nazionale del fronte 3×3 Andrea Capobianco, del delegato di Isernia Raffaele Sassi (presente anche come docente di educazione fisica), del fiduciario tecnico territoriale Mimmo Sabatelli, nonché di diversi esponenti di punta dei club territoriali come il coach del vivaio dell’Ennebici Luigi De Vivo, i dirigenti Magnolia Rosario Filipponio e Pier Carmine Avarello ed il tecnico Umberto Anzini, anche lui nelle vesti di professore oltre che come rappresentante federale. A dirigere le contese due arbitri della struttura regionale.

«Questo appuntamento – ha ribadito il numero uno della Fip Molise Giuseppe Amorosa – ha rappresentato il segnale evidente di un rapporto da riprendere appieno con il mondo della scuola, che sarà rinforzato ulteriormente nei prossimi mesi. L’intervento di coach Capobianco ha fissato aspetti forti di questa sinergia e, da parte mia, ho ribadito ai ragazzi l’opportunità di poter usufruire dell’app Pick-Roll per potersi iscrivere a tornei di street basket, regionali ma non solo, gestiti direttamente dalla federazione. E, in tal senso, l’interconnessione con l’universo studentesco può rappresentare una via virtuosa di crescita».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.