Abolizione dell’obbligo di mascherine al chiuso, abbiamo intervistato il Prof. Paolo Ascierto Direttore dell’Unità di melanoma, immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative dell’Istituto Nazionale Tumori IRCCS
Aprile 29, 2022
Gattini abbandonati, salvati dai Carabinieri di Frosolone
Aprile 29, 2022

Oltre 2 milioni di euro a favore delle aziende zootecniche molisane, Cavaliere: “Iniezione di fiducia in questo momento difficilissimo” 



L’assessorato regionale all’Agricoltura rende noto che è stata pubblicata sui portali della Regione e del PSR Molise, la graduatoria delle aziende ammesse al finanziamento previsto dalla Misura 4 (Sottomisura 4.1 e Intervento 4.1.1) a sostegno degli investimenti per migliorare la competitività delle aziende agricole.
Il bando, per la prima volta rivolto esclusivamente al settore zootecnico per far fronte al particolare momento di crisi, è finalizzato a sostenere appunto le azioni riguardanti gli investimenti nelle aziende agricole con allevamento di bovini, ovini e carini, a favorire la ripresa e lo sviluppo di micro e piccole imprese nelle aree rurali, evidenziato nel fabbisogno 5 del PSR Molise 2014-2020, e ad incentivare metodi di allevamento sostenibili per l’ambiente e per il benessere animale.
Si intende inoltre rispondere anche al fabbisogno di una maggiore autonomia dai mercati globali, favorendo investimenti mirati a diversificazioni aziendali orientate alla trasformazione dei prodotti in azienda ed alla relativa commercializzazione diretta in punti vendita aziendali o utilizzando le nuove tecnologie dell’ICT che potranno usufruire della nuova infrastruttura a banda ultra larga.
Sono 17 le aziende zootecniche ammesse al finanziamento complessivo di quasi 2 milioni e duecentomila euro.
“Risorse importanti – commenta l’assessore Nicola Cavaliere – che giungono sul territorio proprio nel momento più difficile per la zootecnia, a livello nazionale e non solo locale, e per ragioni purtroppo già note e ben viscerate. Risorse che ovviamente non risolveranno i tanti problemi che affliggono il comparto ma che di certo aiuteranno gli allevatori a guardare con maggiore ottimismo al prossimo futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.