Pietrabbondante, “Riportiamo San Vincenzo nella chiesa di campagna”
Luglio 6, 2022
Larino, esplode tir con bombole di gas. Il conducente salvato dai Carabinieri
Luglio 7, 2022

Sanità, Omceo: “Riattivare immediatamente le Unità Speciali di Continuità Assistenziale. Senza questa arma sarà difficile, se non impossibile, affrontare la nuova impennata di contagi”



“Con i contagi in netto aumento, non si può assolutamente fare a meno delle USCA. Ma tanto per cambiare la Asrem, anziché affrontare il problema, sceglie la strada più semplice e taglia”. Questo in sintesi il commento del presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della provincia di Isernia, Fernando Crudele, sul mancato rinnovo dei contratti alle Unità Speciali di Continuità Assistenziale.

Le USCA sin dalla prima fase dell’emergenza sanitaria si sono rivelate preziose, se non decisive. Proprio grazie all’assistenza prestata casa per casa hanno evitato di far collassare gli ospedali. Ma ora il problema sta per riproporsi: “I contagi – spiega Crudele – sono in costante aumento e anche il numero di ricoveri comincia a crescere. Ciò significa che nel giro di poche settimane i reparti saranno in affanno, se non alla canna del gas. Si creerebbe un circolo vizioso dalle conseguenze imprevedibili”.

Lo scenario è facilmente immaginabile. Senza le USCA tocca ai medici di famiglia entrare nelle case. Per controlli più approfonditi saranno però costretti a chiedere l’intervento del 118, a sua volta già decimato dai tagli. Ma non solo. Una volta preso in carico il paziente, dove viene portato? Al pronto soccorso, un reparto sempre strapieno di pazienti in attesa e sempre a un passo dal collasso.

“Ecco perché – sottolinea il presidente dell’Omceo Isernia – le USCA sono importanti: oltre al prezioso servizio di assistenza svolto sul territorio, in prima linea, permettono agli ospedali di respirare, consentono al personale ospedaliero di dedicarsi anche ad altro. Perché, è il caso di ricordare, purtroppo non si muore solo di covid. Ci sono tante patologie da affrontare, per giunta con un sistema sanitario che ormai fa acqua da tutte le parti”.

Il problema, come sempre è quello delle risorse. A quanto pare non vengono più stanziate perché si è usciti dall’emergenza. “Ma questo – dice ancora Crudele – è un falso problema. A parte il fatto che siamo ancora in piena pandemia, mi chiedo: pesano così tanto gli stipendi delle USCA sui conti della Asrem? La risposta è no, ovviamente. Le Regioni più virtuose si sono già attivate per dare continuità al servizio. Il Molise, invece, come sempre è fermo al palo. Si preferisce seguire la strada più semplice: con una mano ci si autoassolve con la litania della carenza di risorse, con l’altra si cancellano i servizi essenziali. A fare i tagli lineari siamo bravi tutti, anche un bambino che frequenta la scuola primaria sarebbe in grado di farlo. Ma dai vertici della sanità ci aspettiamo ben altro. Eliminando gli sprechi veri, le risorse si troverebbero eccome. E nel caso delle USCA non si parla di certo di cifre astronomiche. Anzi, a pensarci bene, investire sulle USCA significherebbe anche risparmiare: le persone in ospedale non ci arrivano di certo gratis. Anche le cure in reparto andrebbero a incidere sui costi. Oltre che su un personale già allo stremo, date le tristemente note carenze d’organico. Per tutte queste ragioni chiediamo di riattivare immediatamente le Unità Speciali di Continuità Assistenziale. Senza questa arma – conclude il presidente Omceo Isernia – sarà difficile, se non impossibile, affrontare la nuova impennata di contagi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.