Isernia. Tutto pronto per “Togliamoci le Pulci”
Giugno 1, 2022
Bollettino Covid dell’Asrem. 93 positivi a fronte di 213 guariti. I casi attualmente positivi sono 4023
Giugno 1, 2022

Asrem. Interventi relativi alle linee di investimento del Pnrr – Ospedali di Comunità, Digitalizzazione e grandi apparecchiature

Direttore Generale ASREM Oreste Florenzano



Nota informativa ASREM

 

Sono 6.122.447,88 per gli Ospedali di Comunità, 8.878.222,89 milioni per la Digitalizzazione e 7.280.539,50 per le grandi apparecchiature sanitarie: eccoli gli importi fissati nella delibera n. 684 firmata oggi dal Direttore Generale di Asrem. Numeri importanti per un piano di potenziamento della sanità che passa attraverso le strutture, la valorizzazione del territorio e dell’azione di quest’ultimo da argine nei confronti dei ricoveri non necessari. Passa, soprattutto, attraverso la dotazione di alta tecnologia che in Molise ormai da anni non veniva più contemplata.
La delibera traduce in azioni i decreti del Commissario ad Acta per la Sanità, il Presidente Donato Toma, che hanno definito la programmazione dei fondi Pnrr.

Il Commissario ha ottenuto i fondi e ha deciso i progetti, adesso Asrem li sta traducendo in piani per l’attuazione.
Gli Ospedali di Comunità. Nelle schede tecniche allegate alla delibera vengono ridisegnati gli Ospedali di Comunità di Venafro e Larino, sempre più al centro del sistema sanitario diffuso e di prossimità. Non solo. La rete “intermedia” quella che sta a metà tra il territorio e i presidi ospedalieri, dopo il Covid, è diventata la chiave di una sanità di qualità. Per questo motivo, in attuazione dei piani del Commissario, i due Ospedali di comunità svolgeranno una funzione intermedia tra il domicilio e il ricovero ospedaliero, con la finalità di evitare ricoveri impropri e di favorire dimissioni protette in luoghi più idonei, tenendo conto dei bisogni assistenziali, di stabilizzazione clinica, di recupero funzionale e dell’autonomia più prossimi al domicilio. Sono ospedali che entrano in gioco quando un paziente, a seguito di un episodio di acuzie minore o per la riacutizzazione di patologie croniche, ha necessità di interventi sanitari a bassa intensità clinica, potenzialmente erogabili a domicilio, ma che necessitano di assistenza/sorveglianza sanitaria infermieristica continuativa, anche notturna.
Verranno destinate risorse (€ 3.061.223,94 per Venafro, a cui verranno assegnati 20 posti letto; 1.760.203,77 milioni di euro per Larino a parità di posti letto)

La digitalizzazione. Sul fronte della digitalizzazione, verranno messi in sicurezza gli ospedali e le strutture sul territorio che potranno dialogare tra di loro. Attraverso software innovativi e con l’interoperatività di quello che c’è, si potrà intervenire da remoto. In questo modo sarà garantita la capillarità e la prontezza di risposta, sopperendo col digitale a possibili carenze riscontrare nel corso del tempo.

Grandi apparecchiature sanitarie. Importante è la dotazione di apparecchiature per gli ospedali: sono 23 le nuove attrezzature di cui saranno dotati il Cardarelli, il San Timoteo e il Veneziale, ma anche i due Ospedali di Comunità di Venafro e Larino e l’Ospedale di zona disagiata di Agnone. Si tratta di apparecchi altamente tecnologici: sono Tac, mammografi, ecotomoografi, apparecchiature per i raggi di ultima generazione. Alla crescente richiesta di prevenzione e di assistenza, Asrem risponde anche attraverso la tecnologia avanzata che contribuisce ad accorciare i tempi e a migliorare le prestazioni del sistema sanitario.

“Ringraziamo la Struttura Commissariale e la Direzione Generale della Salute che hanno profuso uno sforzo enorme per la programmazione degli interventi da candidare ai finanziamenti per il Pnrr – ha commentato il direttore generale, Oreste Florenzano -. Ad Asrem tocca adesso l’attuazione di questa enorme mole di interventi. Un’attuazione che dovrà essere veloce e altamente performante. Ho già riunito la squadra che supporta la Direzione strategica per concordare modalità di lavoro, procedure snelle e revisione delle tempistiche di intervento così da lavorare al meglio agli interventi del Pnrr”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.