Toma punta alla riconferma partendo da Bruxelles il 18 e 19 Maggio dove incontrerà Tajani ed altri Big
Maggio 6, 2022
Agro-climatico e Biologico, entro il 16 maggio le domande per l’annualità 2022. Cavaliere: pubblicato bando che consente alle imprese agricole molisane, impegnate negli ultimi sette anni di PSR, di non perdere i finanziamenti in attesa della nuova Programmazione 
Maggio 6, 2022

San Timoteo, compatrono della città di Termoli e della diocesi: il programma delle celebrazioni lungo il cammino sinodale



Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa della DIOCESI DI TERMOLI – LARINO

 

Con rinnovata fede e spirito sinodale, anche quest’anno la nostra comunità diocesana vuole onorare San Timoteo affinché ci guidi verso Dio per rendere più bella, gioiosa ed evangelica la nostra vita. La figura insigne di San Timoteo, discepolo dell’apostolo Paolo e “suo figlio diletto nella fede”, è patrimonio universale in quanto appartiene alla tradizione della chiesa sia cattolica che ortodossa. Vissuto in era sub-apostolica quando la tradizione cristiana era una ed unica, certamente, oggi, la sua figura e il suo insegnamento richiamano fortemente all’unità. La
lacerazione e la biforcazione avute dopo lo scisma d’Oriente e d’Occidente (1054) non gli appartengono. Anzi, la devozione alla sua persona diventa un faro per l’unità dei cristiani ed un richiamo all’unica fede e all’unico Signore.

Termoli ha l’onore e l’onere d’essere custode dell’intero corpo di San Timoteo. Questo privilegio, unico al mondo, lo possiede almeno dal 1239 quando un testo lapideo descrive il suo occultamento, da parte del vescovo Stefano, nella cattedrale della città. Certamente era giunto a Termoli da Costantinopoli durante la IV crociata, ma non si hanno certezze documentali circa la data esatta. Per settecento anni è stato nascosto nel grembo della cattedrale termolese che, l’11 maggio del 1945, lo ha “partorito” essendo, casualmente, stato ritrovato, durante dei lavori di restauro della cripta cittadina.

Da allora ad oggi sono tante, molteplici e variegate le iniziative che si sono intraprese per portare a conoscenza di questo tesoro lungamente occultato in un loculo sempre più da proporre alla considerazione dei devoti, degli studiosi e tutti coloro che sono interessati alla storia biblica. Non ultimo, il pellegrinaggio straordinario del corpo di san Timoteo a Roma in occasione della prima Domenica della Parola di Dio (26 gennaio 2020) voluta da Papa Francesco che ha sostato e venerato il suo corpo nelle Basiliche di San Paolo fuori le mura e di San Pietro. San Timoteo è dunque fede, cultura, storia, tradizione, ecumenismo. L’amore di Dio, per intercessione di san Timoteo, sia
dunque il dono per il cuore di ognuno di noi perché, traboccante, si riversi su coloro che incontriamo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.