Bollettino Covid: 3 decessi, 200 i guariti, 6 dimessi, 344 nuovi positivi
Maggio 4, 2022
Strada impraticabile e Comune inadempiente: residenti di Casacalenda esasperati 
Maggio 4, 2022

Foto in evidenza sui Quotidiani nazionali che lo indicano come l’assassino della donna uccisa a Frosinone. Peccato si tratti di un caso di omonimia. L’incubo vissuto da Pietro Ialongo raccontato in esclusiva ad OP Molise



Un increscioso errore da parte di alcuni giornalisti delle principali testate nazionali hanno portato il Signor Pietro Ialongo a vivere un vero e proprio incubo nella serata di ieri. Infatti a seguito della notizia dell’uccisione di una donna da parte del compagno, sui siti di alcuni importantissimi quotidiani nazionali, è stata pubblicata la foto dell’uomo indicandolo come il colpevole del gesto. Purtroppo però l’uomo nella foto per un caso di omonimia è stato confuso con il reale esecutore dell’omicidio. Immediatamente sparsa la notizia, Ialongo è stato tempestato di telefonate e messaggi da parte di amici e conoscenti che increduli chiedevano delucidazioni. L’uomo si è dovuto affidare al proprio profilo social per diffondere uno stato dove ha comunicato di non essere lui ad essere stato arrestato, ma bensì un suo omonimo, inoltre l’uomo si trovava a Milano per motivi di lavoro. Immediatamente si è recato presso la Questura Meneghina per sporgere querela, avvalendosi del supporto dell’Avv. Teresa Mancini e dell’ Avv. Veronica Di Nardo.

Pochi istanti fa abbiamo ricevuto in esclusiva la nota di seguito riportata dove l’Avv. Di Nardo ci spiega le dinamiche della situazione e le gravi conseguenze che l’uomo e la famiglia hanno e stanno subendo a causa dell’errore giornalistico:

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.