“Donne e Denaro”: il seminario dell’Ass. Liberaluna rivolto a tutte le donne anche a quelle più giovani, che ognuno può e deve gestire la propria economia, al fine di combattere lo stereotipo del “Capo famiglia uomo”
Dicembre 12, 2022
Campobasso. Congresso Regionale CGIL Molise: eletti i vertici del Sindacato.
Dicembre 12, 2022

Campobasso: presentato il Giudizio di Parificazione della Corte dei Conti.



Circa 1.700 euro, questo l’ammontare della cifra che la Corte dei Conti ha quantificato pesare singolarmente per ogni cittadino molisano. Il dato all’interno del giudizio di Parificazione sul rendiconto Generale 2021.  Il totale: circa 494 milioni di euro risultanti della proposta di Rendiconto 2021 approvata dalla Giunta regionale. Stilato dalla Sezione Regionale di Controllo della Corte dei Conti il rendiconto ha messo in evidenza una situazione critica rispetto al comparto della sanità con una perdita per l’Asrem di poco più di 54 milioni e un deficit di 122. Il Rendiconto è stato presentato nel corso della cerimonia tenutasi nel Salone d’Onore del Palazzo del Governo, in piazza Gabriele Pepe, a Campobasso, alla presenza dei rappresentanti della Giunta e del Consiglio Regionale e delle più alte cariche istituzionali. I saluti e l’intervento di apertura sono stati affidati al presidente della Sezione di controllo, Lucilla Valente, e a relazionare sono stati poi   i Magistrati Istruttori, Domenico Cerqua, Ruben D’Addio ed Emanuele Petronio a seguire poi la requisitoria del Procuratore Regionale della Corte dei Conti per il Molise, presidente Salvatore Nicolella. Da evidenziare come sul comparto della sanità a incidere  sia stata anche l’emergenza che si collocava in un sistema sanitario regionale già in squilibrio economico-patrimoniale. Da qui la perdita da parte dell’Asrem rispetto al risultato di esercizio 2021 è stata così di  54.249.796, 64, dato in crescita rispetto all’esercizio precedente. Quindi così nella relazione “ la quota di disavanzo pro capite che grava sulla popolazione residente nel confronto con le altre regioni italiane, si attesta a euro 1.698,48 per abitante, in crescita rispetto al 2020 (in cui era pari a 1.662,27) e superiore alla quota per abitante di tutte le regioni a statuto ordinario”. Sui dati invece riguardanti la questione delle strutture sanitarie private accreditate ci sono nell’ambito del 2021 “accantonamenti per extrabudget fatturato e non contabilizzato pari a 37,29 milioni di euro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *