Donna uccisa a Frosinone: fermato l’ex compagno originario della Provincia di Isernia
Maggio 3, 2022
Omicidio di Frosinone. Scambio di persona sui giornali
Maggio 3, 2022

Consorzio Sviluppo Industriale Isernia-Venafro: no impianto di produzione di biometano

Stefania Passarelli Sindaco di Pozzilli



Il Sindaco di Pozzilli nonché Presidente del Consorzio Sviluppo Industriale Isernia – Venafro, Stefania Passarelli, ha partecipato alla conferenza di servizi per il rilascio dell’autorizzazione relativa ad un impianto di produzione di biometano da realizzarsi nell’area industriale di Pozzilli.
“Ribadiamo il nostro diniego all’iniziativa – ha dichiarato Passarelli -. Diniego che difenderemo in ogni sede, per oggi e per il futuro. La conferenza è stata rinviata a data da destinarsi.
Il Consorzio, al fine di fornire a tutti i soggetti coinvolti gli strumenti per una oggettiva valutazione dell’impatto ambientale dell’iniziativa, ha commissionato ed inviato a tutti uno studio tecnico specifico che dimostra la incompatibilità dell’iniziativa nell’area dal punto di vista ambientale, sismico, socio-sanitario e sociale. Si auspica un intervento serio, forte, tempestivo e determinato da parte di tutti gli Enti coinvolti ed in modo particolare da parte della Provincia di Isernia e della Regione, i cui pareri sono vincolanti e non superabili.
Raccogliendo la volontà della popolazione del comune di Pozzilli e non solo – ha continuato il presidente del Consorzio -, sarò onorata di promuovere tutte le manifestazioni di piazza consentite dalla legge italiana per la manifestazione del dissenso dei cittadini volta a tutelare la salute pubblica e la tranquillità sociale, eliminando anche il gravissimo livello di molestia che si andrebbe ad arrecare a tutte le attività industriali e commerciali confinanti e presenti nell’intero agglomerato industriale di Pozzilli. A tale proposito si evidenza che le suddette aziende hanno già manifestato la propria contrarietà, ritenendo questa iniziativa particolarmente lesiva per le proprie attività economiche”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.