“I Padri del Folklore”, le dichiarazioni dell’ Assessore regionale Vincenzo Cotugno
Aprile 27, 2022
Sulla costa molisana tra pochi giorni al via la stagione balneare. Venditti (SIB Molise): “Al lavoro per accogliere al meglio”
Aprile 27, 2022

CAMPOMARINO. “Un calcio alla guerra”, un grande successo.



E’ stato un boom di presenze quello registrato a Campomarino in Contrada Nuova Cliternia dove la scuola Calcio asd Basso Molise ha organizzato  il primo torneo di calcio, categoria Esordienti, denominato “Un calcio alla guerra”. La competizione si è svolta lo scorso lunedì 25 aprile e ha visto trionfare la Virtus Vasto che, in una finale tiratissima, ha avuto la meglio sui pari età del Foggia Calcio 1920. La “finalina” che decretava l’ultimo posto del podio se l’è aggiudicata il Pescara calcio che si è imposto sui padroni di casa dell’asd Basso Molise calcio. Al di là del risultato finale è stata una vittoria di tutti, come hanno sottolineato gli stessi organizzatori,  dal pubblico che ha gremito gli spalti per tutta la giornata, ai bambini che hanno ritrovato una giornata di condivisione ed allegria.

Durante la giornata ci sono stati gli interventi di monsignor Nicola Pietrantonio, che con il suo momento di riflessione ha toccato le anime di tutti i presenti, con la lettura da brividi di un testo contro la guerra, ed inoltre le testimonianze di Nadia, Jaroslau, Caterina ed Antonina, ragazzi ucraini che sono scappati da Mykolaïv città pesantemente interessata dai bombardamenti russi.

Intanto sotto l’aspetto puramente atletico non sono passate inosservate le prestazioni di Raul Tomeo, giovane calciatore della Virtus Vasto, che si è aggiudicato il titolo di Capocannoniere del torneo, Massimiliano Di Fonso, del Foggia Calcio 1920, come Miglior Giocatore, infine il Miglior portiere se l’è aggiudicato Federico Ruggeri del Basso Molise Calcio. E mentre gli organizzatori dell’evento rivolgono  un ringraziamento speciale alla Cliternina che ha ospitato presso la propria struttura l’evento, gli stessi danno appuntamento all’anno prossimo, con un torneo: “Che – dicono ci auguriamo abbia un titolo diverso”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.