Neuromed: le persone con maggiore resilienza psicologica vivono di più e anche meglio
Aprile 8, 2022
Anche oggi nessun decesso per Covid, 1 ricovero, 1 trasferimento in terapia intensiva
Aprile 8, 2022

Dopo due anni di stop torna il Vinitaly, CIA Molise aderisce con stand dedicato alla tintilia. La nota all’interno



Dopo due anni di stop forzato torna l’edizione in presenza di Vinitaly, presso il Salone internazionale dei vini e distillati a Verona. Biglietto da visita per il Molise sarà la Tintilia. Nel quartiere espositivo, il Molise presenterà ai palati più raffinati il rosso autoctono del Molise. “Un’opportunità per il settore vinicolo molisano, che – spiega il direttore della Cia Molise, Donato Campolieti – valorizzerà e farà conoscere ai top buyer di oltre 50 Paesi del mondo la nostra tintilia, fiore all’occhiello molisano. Vinitaly è una delle più importanti manifestazioni fieristiche dedicate al vino, ed è per questo che non può mancare l’etichetta molisana. La nostra regione ha bisogno di spinte propulsive, che siano in grado di  far conoscere e apprezzare i prodotti enogastronomici del Molise. Verona è un’occasione per imprimere la visibilità dei vini provenienti da vitigni autoctoni, che raccontano l’identità culturale e storica della nostra regione”.

Nella road map to Vinitaly, nel padiglione della CIA nazionale, Lunedì 11 aprile, dalle ore 16, avrà luogo la “Scuola del Palato” a cura della Soc. Coop. GEA di Campobasso. L’evento è organizzato e diretto dall’attore Francesco Vitale e dal sommelier Francesco D’Imperio. Una breve performance teatrale, allieterà i presenti. Durante il workshop un pubblico selezionato di giornalisti enogastronomici e wine writers, proverà le Tintilie esposte nello stand della Regione Molise.

La rappresentazione scenica sarà riproposta la mattina del 12 aprile, sempre nello stand nazionale della CIA. Il pomeriggio dello stesso giorno, dalle ore 16, nel padiglione della Regione Molise, sarà presentato il volume “La vite e il vino – Una storia enologica del Molise” di Sebastiano Di Maria.

L’opera, edita da IBC Edizioni di Campobasso, nella prima parte, con un vasto repertorio di documenti e reperti archeologici, racconta le vicende della domesticazione della vite nella nostra regione, nella seconda, invece,  delinea la storia dell’ enologia molisana, dalla comparsa, lo sviluppo e l’affermazione della Tintilia, come prodotto distintivo della produzione vitivinicola molisana. La presentazione sarà introdotta e moderata da Paolo Corbini, direttore generale dell’Associazione “Città del vino” ,  prevede gli interventi dell’autore, di Attilio Scienza, una delle personalità di maggior prestigio della scena enologica italiana e di Pasquale Salvatore, Presidente del Consorzio di Tutela della Tintilia del Molise. “Siamo orgogliosi della nostra Tintilia –commenta il presidente Cia Molise, Luigi Santoianni – che rappresenta, con le sue note corpose e il suo gusto deciso e forte, il carattere indomito dei molisani. È la nostra occasione che sapremo sicuramente valorizzare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.